Visit our FacebookVisit our InstagramVisit our LinkedIn
28 Dic 23

Shein è pronta alla quotazione in borsa

Shein, la big cinese del fast fashion online, sta progettando di quotarsi in borsa attraverso un'offerta pubblica iniziale (IPO) prevista per il 2024, con l'obiettivo di raccogliere oltre 90 miliardi di dollari.

Shein e il Fast Fashion

Fondata in Cina nel 2008 e ora con sede a Singapore, Shein ha attraversato una trasformazione significativa, inizialmente adottando un modello di business B2B e poi spostandosi nel 2014 verso un modello B2C, segnando l'inizio del suo successo nel settore del fast fashion online.

La società ha raggiunto una posizione di leadership a livello globale, vendendo capi d'abbigliamento e accessori in 150 paesi, con una forte presenza nel mercato statunitense, che rappresenta il 50% delle vendite nel settore a novembre 2022, superando H&M (16%) e Zara (13%).

La crescita esplosiva di Shein ha determinato un aumento significativo del valore dell'azienda, passando da 15 miliardi di dollari nel 2020 a 100 miliardi nel 2021 e toccando i 66 miliardi di dollari all'inizio del 2023.

Le polemiche

Nonostante le controversie che hanno circondato l'azienda, inclusi problemi di sfruttamento del lavoro, incitamento al consumo eccessivo, impatto ambientale, furto di proprietà intellettuale e mancanza di trasparenza nella produzione, Shein ha registrato ricavi notevoli nel 2022, raggiungendo i 23 miliardi di dollari con un utile netto di 800 milioni di dollari. Le polemiche hanno incluso accuse di furto di idee creative da parte di designer indipendenti, portando a un procedimento federale per racket e richieste di indagine sulla catena di approvvigionamento da parte dei procuratori generali di 16 stati degli Stati Uniti.

Il lancio in borsa

La decisione di quotarsi a Wall Street entro il 2024, con l'obiettivo ambizioso di superare i 90 miliardi di dollari nella raccolta di fondi, ha anche un significato politico.

Alla luce del recente summit tra il presidente americano Joe Biden e il presidente cinese Xi Jinping, che mirava a sviluppare la cooperazione tra i due Paesi, la quotazione in borsa di Shein potrebbe sancire ulteriormente questa collaborazione, richiedendo l'approvazione del governo cinese per consentire a un'azienda cinese di quotarsi su un mercato straniero.

I benefici dell’IPO

La quotazione in borsa con un'offerta pubblica iniziale (IPO) è un modo per raccogliere capitali ed emettere azioni per gli investitori che saranno negoziabili in borsa.

La transizione da società privata a società pubblica presenta pro e contro che devono essere valutati prima di avviare il processo di IPO.

I principali vantaggi dell’IPO sono:

  • Raccolta di capitali, per finanziare le operazioni aziendali generali, le opportunità di crescita, la R&S, il marketing e le spese di capitale;
  • Ottenere una maggiore valutazione delle azioni;
  • Finanziamento per le operazioni di fusione e acquisizione. Con una valutazione più elevata, le azioni della società possono essere utilizzate per completare le operazioni di fusione e acquisizione aziendali utilizzando una maggiore quantità di contanti o uno scambio di un numero inferiore di azioni;
  • Riduzione del debito aziendale e dei costi degli interessi e miglioramento del flusso di cassa e il rapporto debito/patrimonio netto.

Naturalmente, esistono anche svantaggi nell’IPO:

  • Impegno di tempo: il processo di IPO è lungo e richiede tempo e può iniziare fino a due anni prima dell'offerta pubblica iniziale sul mercato;
  • Distrazione dall'attività e opportunità mancate. Infatti, quando un'azienda è in fase di pre-IPO deve svolgere numerosi progetti e riunioni durante il processo di IPO, il carico di lavoro dei dipendenti si espande oltre le normali mansioni;
  • Costo dell'emissione di azioni in un'IPO elevato, con commissioni di sottoscrizione in percentuale per le azioni vendute nell'IPO, che possono variare dal 4% al 7% circa, a seconda delle dimensioni dell'operazione;
  • Gestione dei risultati trimestrali a breve termine invece che degli obiettivi a lungo termine;
  • Costo medio ponderato del capitale più elevato, poiché il costo dell’equity, determinato in base al modello di determinazione del prezzo del capitale (CAPM), è superiore al costo del debito. La raccolta di nuovo capitale pubblico aumenterà il costo medio ponderato del capitale (WACC) dell'azienda.

Il Supporto di Renovarum

Se desideri approfondire ulteriormente l'attività di quotazione in borsa e ottenere informazioni dettagliate, puoi contare sul supporto esperto di Renovarum.

I nostri specialisti sono pronti a fornirti una completa descrizione del processo di quotazione in borsa e a illustrarti i servizi offerti da Renovarum in materia di finanza straordinaria.

In alternativa, puoi contattarci per ricevere un supporto personalizzato da parte dei nostri esperti.

Ultimi articoli
18 Lug 24
Controllo di gestione: strumenti e tecniche essenziali per le aziende
Leggi di più
08 Lug 24
Le tecnologie Martech e l’IA per un marketing personalizzato
Leggi di più
27 Giu 24
AI per startup: Meta lancia il programma di accelerazione con Scaleway e Hugging Face
Leggi di più
Categorie
crossmenu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram