Visit our FacebookVisit our InstagramVisit our LinkedIn
26 Feb 24

Report Venture Capital Monitor: oltre 300 operazioni su Startup

A fine febbraio è stato presentato il report di ricerca di Venture Capital Monitor sulle operazioni di venture capital nel mercato italiano nel 2023, che evidenzia oltre 300 operazioni su startup italiane, con 1,1 miliardi di euro investiti (erano 1,9 miliardi nel 2022).

Il report

Il rapporto di ricerca 2023 è stato realizzato dall’Osservatorio Venture Capital Monitor (VeM), attivo presso Liuc Business School, con il supporto di AIFI e il contributo di Intesa Sanpaolo Innovation Center e lo Studio legale E. Morace & Co., con l’obiettivo di sviluppare un monitoraggio permanente sull’attività di early stage istituzionale svolta nel nostro Paese.

Le operazioni

Nel 2023 sono state concluse 330 operazioni (initial e di follow-on), in calo rispetto alle 370 dell'anno precedente (-11%). In termini di nuovi investimenti (initial), le nuove operazioni sono state 273, rispetto alle 310 del 2022. L'ammontare complessivo degli investimenti, da parte di operatori nazionali ed esteri, in start-up italiane è stato di quasi 1,1 miliardi di euro, distribuiti in 302 round. Questo dato mostra una diminuzione rispetto ai circa 1,9 miliardi investiti in 349 round nel 2022.

L'importo degli investimenti in società estere fondate da imprenditori italiani è rimasto stabile, pari a circa 300 milioni di euro distribuiti in 28 operazioni (21 nel 2022). Considerando entrambe le componenti, gli investimenti totali si sono attestati a 1,4 miliardi di euro, in netto calo rispetto ai quasi 2,2 miliardi di euro registrati nel 2022.

Stabile, invece, l’ammontare investito in realtà estere fondate da imprenditori italiani: circa 300 milioni di euro distribuiti su 28 operazioni (21 nel 2022).

Prendendo in considerazione entrambe le componenti, il totale complessivo si attesta a 1,4 miliardi di euro (erano quasi 2,2 miliardi nel 2022).

Technology Transfer, Corporate venture capital e filiera dell’early stage

Nel corso del 2023, gli investimenti totali in TT (Technology Transfer) hanno raggiunto la somma di 235 milioni di euro distribuiti in 68 operazioni. Questi risultati sono stati possibili grazie all’impatto positivo dei fondi della piattaforma ITAtech, che ad oggi hanno raccolto più di 300 milioni di euro. Dal 2018, questa piattaforma ha effettuato 168 investimenti, per un totale di oltre 360 milioni di euro, compresi i co-investitori.

Per quanto concerne l'attività di corporate venture capital, il 2023 ha confermato la recente tendenza a un notevole coinvolgimento delle imprese nei round di venture capital. In particolare, le aziende hanno partecipato a circa il 22% dei round totali volti a sostenere start-up o imprese early-stage, una percentuale leggermente inferiore rispetto al 2022.

Per quanto riguarda le start-up con sede in Italia, il venture capital e il corporate venture capital hanno investito un totale di 559 milioni di euro in 200 round. Le attività di sindacato tra venture capital, corporate venture capital e business angels hanno registrato investimenti per 526 milioni di euro in 102 operazioni, mentre i soli business angels hanno stanziato 34 milioni di euro in 71 round. Insieme, queste attività hanno portato il settore early stage in Italia a investire oltre 1,1 miliardi di euro in 373 round. Se si considerano anche gli investimenti in start-up estere fondate da imprenditori italiani, il totale complessivo è di oltre 1,4 miliardi di euro distribuiti in 405 round.

Distribuzione geografica e settoriale

Per quanto riguarda la distribuzione geografica e settoriale degli investimenti initial, la Lombardia continua a primeggiare come regione con il maggior numero di società target, contando 113 aziende e coprendo il 46% del mercato (era il 44% nel 2022, con 124 società). Al secondo e terzo posto troviamo il Lazio, con il 13%, e il Piemonte, con l'8%.

L'Information and Communication Technology (ICT) monopolizza l'attenzione dei venture capitalist, rappresentando il 38% delle aziende target. All'interno dell'ICT, il 32% delle operazioni si concentra su start-up attive nel digital consumer services, mentre il restante 68% riguarda aziende con un focus sulle tecnologie aziendali. Seguono il settore Healthcare, con il 12% delle aziende investite inizialmente, e il settore degli altri servizi, guidato dall'edutech, con il 9%. Fintech ed Energia e Ambiente attirano il 7% degli investimenti.

Il Supporto di Renovarum

Contattaci se vuoi avere maggiori informazioni sull’attività di fundraising e sviluppo della tua startup. Uno dei nostri esperti ti supporterà sia nella descrizione dell’attività che nel mostrarti i servizi di Renovarum.

Ultimi articoli
18 Lug 24
Controllo di gestione: strumenti e tecniche essenziali per le aziende
Leggi di più
08 Lug 24
Le tecnologie Martech e l’IA per un marketing personalizzato
Leggi di più
27 Giu 24
AI per startup: Meta lancia il programma di accelerazione con Scaleway e Hugging Face
Leggi di più
Categorie
crossmenu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram