Visit our FacebookVisit our InstagramVisit our LinkedIn
28 Mag 24

Il futuro del Gruppo Giorgio Armani: indipendenza o quotazione in Borsa?

A quasi 90 anni è giunto anche per Giorgio Armani il momento di pensare al futuro della propria maison. Sono principalmente due le strategie che il Gruppo potrebbe prendere in considerazione: da una parte la fusione con un competitor più grande, al fine di ottenere stabilità e garanzie economiche; dall’altra la quotazione in Borsa.

Giorgio Armani considera l'IPO come futura strategia

Giorgio Armani, fondatore dell’omonima maison, ha recentemente lasciato intendere che ci saranno cambiamenti nel suo gruppo di moda, una volta che non ne sarà più alla guida.
“L’indipendenza dai grandi gruppi potrebbe ancora essere un valore in futuro, ma non mi sento di escludere nulla”, ha dichiarato a Bloomberg. “La quotazione”, ha aggiunto, “è un’opzione che potrebbe essere presa in considerazione, si spera in un lontano futuro”.

Secondo gli analisti, scrive Fashionnetwork, nel quadro di un’acquisizione o una scissione, un prezzo compreso tra otto e dieci miliardi di euro per Giorgio Armani potrebbe essere considerato ragionevole.

Le decisioni strategiche

Come abbiamo anticipato, nel futuro del brand non è esclusa un'apertura alla Borsa. Secondo le informazioni che trapelano dallo statuto che verrà adottato alla morte dello stilista (un documento riservato la cui esistenza è stata rivelata dal Corriere della sera), la Giorgio Armani del futuro avrà sei categorie di azionisti, tutti uguali davanti al dividendo, ma alcuni avranno il triplo dei voti e il diritto di nominare il CEO. Dopo il quinto anno dell'entrata in vigore delle nuove regole societarie, sarà anche possibile quotare la casa di moda. Il documento è la base su cui si innesterà l'eredità dello stilista.

Nonostante sia una scelta strategica con forti implicazioni sul futuro del Gruppo, ad oggi la data più plausibile per un IPO è il 2025. Il direttore generale del gruppo, Giuseppe Brusone, ha infatti dichiarato che l'operazione, in questo momento, è rinviata in attesa di completare la riorganizzazione della società.

L’indipendenza del marchio

Questa strategia è in linea con il suo desiderio di preservare l'indipendenza del marchio, nonostante le tendenze del settore verso la consolidazione sotto grandi conglomerati.
Oggi Giorgio Armani possiede il 99,9% dell’azienda, mentre lo 0,1% fa capo alla Fondazione Giorgio Armani. Il piano di successione di Armani prevede un accordo dettagliato per dividere la proprietà tra parenti stretti e una fondazione, per garantire la continuità del suo stile e della filosofia aziendale.

Il Gruppo Armani

Fondatore dell’omonima casa di moda, Giorgio Armani ha lanciato la sua impresa nel 1975 dopo aver maturato esperienza alla Rinascente e presso le aziende di Nino Cerruti. Divenuto unico azionista e amministratore delegato a seguito della scomparsa del socio Sergio Galeotti nel 1985, Armani ha sviluppato un gruppo attivo in abbigliamento, accessori, casa, cosmetici e occhialeria. Nonostante le speculazioni su possibili acquisizioni, in particolare da parte di L’Oréal, Armani ha mantenuto l'indipendenza del marchio.
Il gruppo ha chiuso il 2022 con un fatturato consolidato di 2,35 miliardi di euro, in crescita del 16,5% rispetto al 2021.

Il supporto di Renovarum

Mentre Giorgio Armani si prepara per un futuro di transizioni strategiche, l'indipendenza e l'innovazione rimangono al centro dei suoi valori aziendali.
Per le aziende che guardano a espansioni simili, Renovarum offre un supporto esperto nelle operazioni di IPO e strategie di crescita che possono far leva anche su strumenti di finanza straordinaria.

Scopri tutti i nostri servizi e contattaci se hai bisogno di maggiori informazioni su come possiamo aiutare il tuo business.

Ultimi articoli
17 Giu 24
Come validare un'idea di business: dal mercato alla Buyer Persona
Leggi di più
07 Giu 24
Come misurare la market traction: un approccio strategico per le startup
Leggi di più
20 Mag 24
Scale-Up: come trasformare una startup in un'azienda in crescita
Leggi di più
Categorie
crossmenu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram